New  

foto e video della V edizione

galleria fotografica

video



Motivazioni Premio Pino Veneziano 2008


L’Associazione Culturale Pino Veneziano ha il piacere di comunicare di aver conferito il Premio Pino Veneziano 2008 al gruppo musicale Officina Zoè e al regista Edoardo Winspeare.

officina zoe    


L’immenso valore dell’azione artistica dell’Officina Zoè sta nell’aver rinnovato il repertorio della Pizzica attraverso composizioni originali – spingendosi oltre una semplice e nostalgica operazione di archeologia – fino a divenire punto di riferimento per molti artisti salentini, che in loro hanno trovato stimolo e ispirazione per riproporre i classici della musica popolare del Salento.

winspeare

Con il suo cinema privo di effetti speciali, Edoardo Winspeare è riuscito a “scrivere” il Salento contemporaneo e a offrirci visioni di elegante e autentica poesia. L’amore e la passione per la sua terra lo hanno spinto ad impegnarsi anche socialmente con la costituzione dell’associazione “Coppula Tisa”, nata per mantenere nel Tacco dell’Italia una Bellezza non solo spirituale, ma anche fisica, cercando di preservarne il territorio.

Grazie all’attività dell’Officina Zoè, di Winspeare e di molti altri artisti, oggi il Salento ha ritrovato l’orgoglio della propria identità culturale, che ha saputo coniugare alle esigenze attuali e a farne il volano dell’economia turistica. La Notte della Taranta, che ha raggiunto ormai una notorietà internazionale, rappresenta infatti un grande esempio di evento artistico legato all’espressione culturale di un territorio.



Selinunte, 13 maggio 2008



Un frammento dal film "Pizzicata" di Edoardo Winspeare







poster

Premio Pino Veneziano
Incontri di Mare e di Culture
edizione / 2008



Programma delle  giornate

1ª giornata,  24 luglio

Ore 21     Parco archeologico di Selinunte
 
Incontri di Mare e di Culture

“L’infanzia è un terremoto”  incontro con la scrittrice Carola Susani   
con la partecipazione di Goffredo Fofi e Lorenzo Barbera.                                                           

Interventi musicali di Clara Salvo, Giana Guaiana e Massimo Laguardia
Poesie di Nino De Vita

La Valle dei Belice è una distesa di rovine quando la famiglia Susani vi si trasferisce per vivere in una baraccopoli. I genitori di Carola, che all'epoca ha solo quattro anni, lavorano alla ricostruzione insieme al gruppo del Centro Studi e Iniziative Valle Belice, nato da una scissione del Centro Studi di Danilo Dolci. Questa è la memoria di quell'esperienza, racconto di un viaggio, minima ricostruzione di storia orale e un po' anche romanzo. Nel libro ci sono le rovine, c'è Danilo Dolci e il lavoro che con il suo gruppo faceva da molto prima del terremoto, c'è l'infanzia nelle baracche alla Comune che affiancava il Centro studi, tra amici mai smarriti, tetti che si scoperchiano, leggende spaventose di maiali che divorano i morti; ci sono le persone che si raccoglievano intorno al Centro, ci sono anche minacce e intimidazioni mafiose, misteriosamente compaiono anche Bettina e Regine, le figlie di Ulrike Meinhof. E qualcosa viene fuori dell'onda lunga del Sessantotto e dei suoi contraccolpi.



2ª giornata,  25 luglio

Ore 21     Parco archeologico di Selinunte

“Pizzica e Bellezza”

Incontro con Edoardo Winspeare e con Antonio Presti
Interviste di Andreina De Tomassi

Winspeare,  regista cinematografico, ha fondato l’Associazione  Coppula Tisa, (dal nome della lucertola salentina),  che  raccoglie fondi e acquista pezzi di territorio allo scopo di preservarli da edificazioni o discariche selvagge, o luoghi molto belli con costruzioni molto brutte  cui  viene restituita la bellezza originaria e infine donati alla collettività.
Presti, artista, mecenate, instancabile operatore culturale, ha costituito la fondazione Antonio Presti - Fiumara d’Arte e, chiamando a raduno  artisti di fama internazionale, ha costruito nella valle della Fiumara di Tusa numerose opere d’arte contemporanea di notevoli dimensioni costituendo un vero e proprio esempio di Museo Land Art, riconosciuto a livello internazionale, che ha donato alla collettività e che adesso  è divenuto punto di attrazione turistica internazionale.

Ore 22     Concerto di Pizzica Salentina del gruppo Officina Zoè



I partecipanti all’edizione 2008



Lorenzo Barbera. Sociologo e copromotore con Danilo Dolci del Centro Studi e Iniziative per la Piena Occupazione della Sicilia occidentale. Ha fondato nel 1973 il CRESM che opera nel sud Italia. Ha fondato la rivista Meridione città e campagna e la sua esperienza ha concorso alla nascità di programmi europei di sviluppo locale come il programma LEADER. Ha pubblicato: La diga di Roccamena (Laterza), I ministri dal cielo (Feltrinelli).

Goffredo Fofi. È uno degli intellettuali più attivi e combattivi della cultura italiana. Interessato soprattutto alla realtà sociale e alla sua rappresentazione nell'arte. Critico cinematografico ed esperto di questioni riguardanti il meridione, Goffredo Fofi ha partecipato alla nascita di riviste come i Quaderni Piacentini, La Terra vista dalla Luna, Ombre rosse, Linea d’ombra. Ha scritto una grande quantità di interventi e articoli su vari giornali e riviste. Oggi dirige la rivista Lo straniero e fa il consulente editoriale. Scrive per Internazionale, Film TV e Panorama.
www.lostraniero.net

Giana Guaiana. Cantante, attrice. Si forma nell'ambito del teatro di ricerca (performances con Miriam Palma, Sayoko Onishi, Gary Brackett - Living Theatre, Carlos Riboty), parallelamente raccoglie e studia un repertorio di canti tradizionali della Sicilia e del Mediterraneo e ne fa arrangiamenti per voce e chitarra. Ha collaborato con l'attrice Lia Rocco, con la musicista Bruna Perraro, a Palermo con il Museo "Antonio Pasqualino", a Milano con i Mondorchestra. Ha partecipato a vari festival di musica popolare. Ha composto la colonna sonora del documentario sul puparo Ignazio Puglisi nel progetto "Ritratti d'artista".
www.myspace.com/gianaguaiana

Massimo Laguardia. Artista palermitano tra i più rappresentativi nel panorama popolare italiano, tra l'83 e l'84 il suo incontro con Alfio Antico gli permette di riconoscere la sua passione per il Tamburo. E’ tra i fondatori del gruppo Agricantus, dei Tammorra e degli Asteriskos. Dal 95 al 99 fa parte della Taberna Mylaensis con cui realizza 2 CD. Nel 2003 viene invitato come ospite nel tour siciliano dal gruppo Inti-Illimani. Partecipa come attore non protagonista al  film "Nuovomondo" di E. Crialese. Ha collaborato con Fausta Vetere, Clara Murtas, Lucilla Galeazzi, Etta Scollo. Dal 2007 fa parte dell'Orchestra Popolare Italiana di Ambrogio Sparagna. Attualmente sottolinea differenti aspetti della musica popolare, esprimendone al meglio la vitalità dell'anima che la caratterizza, con la sua particolare voce nei canti con le tammorre da lui stesso costruite. Nel 2007 è uscito il suo primo CD "Cuoretamburo".
www.massimolaguardia.net

Clara Salvo. Nata a Trapani, il suo profilo artistico viene profondamente segnato, durante la sua adolescenza, dall’incontro con Rosa Balistreri. Negli anni ’70 si trasferisce a Palermo e si dedica alla ricerca nell’ambito della cultura popolare per il Folkstudio di Palermo, e attraverso il canto popolare diventa portavoce degli ideali della contestazione di quegli anni. Tornata a Trapani, dal 1983 si occupa di gastronomia  tradizionale. La sua voce è considerata tra le più espressive e autenticamente popolari nel panorama del canto siciliano.

Carola Susani. E' nata in veneto e vive a Roma. Scrive romanzi e libri di racconti. Nel ’95 è uscito "Il libro di Teresa" (Giunti, Premio Bagutta Opera Prima). Per Feltrinelli ha pubblicato "La terra dei dinosauri" (1998) e I romanzi per ragazzi "Il licantropo" (2002) e "Cola Pesce" (2004). Nel 2005 è uscito per Gaffi "Il rospo". Nel 2006 Minimum fax ha pubblicato "Pecore vive" (selezione Premio Strega 2007). E’ redattrice di “Nuovi argomenti” e collabora con la cronaca romana di “Repubblica”.

Officina Zoé. L´Officina ZOE´ nasce nei primi anni novanta da una feconda idea di Lamberto Probo, Donatello Pisanello e Cinzia Marzo e diviene subito forza motrice ed autentico fermento del movimento di riscoperta della Pizzica-Pizzica, la piu' antica e travolgente forma di ritmo e danza popolare del Salento. L´aspetto piu' interessante del loro lavoro e', oltre alla riproposizione, il rinnovamento del repertorio della Pizzica, attraverso composizioni originali che rispettano lo spirito e a volte anche la lettera della tradizione. Vanta  la partecipazione ai piu' importanti  appuntamenti internazionali di musica, e grazie a loro, la Pizzica e' approdata in tutte le capitali europee e anche oltre, sbarcando negli Stati Uniti e  perfino in Corea e in Giappone. Numerose collaborazioni  artistiche in campo teatrale, musicale e cinematografico. La colonna sonora composta per il film di Edoardo Winspeare “Sangue Vivo” ha ricevuto il prestigioso premio della Grolla d´Oro al Festival di Saint Vincent nonchè la nomination al Nastro d´Argento.
www.officinazoe.com

Antonio Presti. E' un siciliano che ha deciso di dedicare tutto se stesso, compreso il suo patrimonio personale, per far trionfare l’arte in tutte le sue forme.  È impegnato da anni a creare una coscienza legata alla cultura ma soprattutto a uno spirito etico, che si forma proprio attraverso un rapporto differente con la bellezza.  Viene indicato come uno degli ultimi grandi mecenati, ma in verità lui stesso non ama essere definito mecenate, ma soltanto un uomo devoto alla bellezza, che a questa ha dedicato tutta la sua vita: bellezza intesa come dono, come condivisione, come etica. Il messaggio di Antonio Presti al mondo dell’arte, agli intelletuali, agli artisti, ai giovani è di intraprendere un percorso nuovo di impegno politico e sociale. Non un'autocelebrazione per pochi, ma il valore dell'impegno: un concetto di Bellezza che può essere  compreso e condiviso anche da chi non si sia mai confrontato con un manualr d'arte. Un'arte non protagonista di un'estetica dell'apparire, ma azione artistica che interviene nella vita sociale. Sono infatti attualmente in cantiere il progetto rivolto al quartiere Librino di Catania "Terzocchio - Meridiani di Luce", e al fiume Oreto di Palermo "Io sono il fiume Oreto dell'Umanità".
www.ateliersulmare.it
www.librino.org

Andreina de Tomassi. Giornalista professionista, scrittrice. E' cresciuta nel quotidiano "La Repubblica", dove ha lavorato dal 1978 al 2005, ora è freelance, ha lasciato Roma e ha scelto di vivere nelle Marche. Si occupa di biodiversità e dei temi legati al Paesaggio e all'Arte ambientale, ha fondato un centro agro-culturale "La Corte di Sant'Anna del Furlo". Il suo ultimo libro: "Terra Allegra", per le edizioni Biobank, ha ricevuto svariati premi.

Nino De Vita. Nino De Vita è nato nel 1950 a Marsala, dove ha risieduto. Ha vissuto una esistenza appartata, dedicata alla poesia in lingua siciliana, con pubblicazioni in gran parte autoprodotte nonostante il plauso costante della critica specializzata. Della sua poesia si sono occupati: Maria Attanasio, Vincenzo Consolo, Giorgio Delia, Alessandro Fo, Pietro Gibellini, Franco Loi, Dante Maffia, Mauro Marè, Massimo Onofri, Antonio Pane, Luigi Reina, Achille Serrao, Enzo Siciliano, Natale Tedesco, Giovanni Tesio, Lucio Zinna. E' tra i maggiori poeti siciliani della sua generazione.
www.girodivite.it

Edoardo Winspeare. A dispetto del nome, Edoardo Winspeare è italiano, anche se nelle sue vene scorre sangue di varie nazionalità. E’ nato nel 1965 e vive a Depressa nel Salento. Nel 1985 inizia la carriera cinematografica a New York. Nel 1987 si trasferisce in Germania dove studia alla Scuola di Cinema di Monaco di Baviera. I suoi primi lavori sono appassionati documentari sulle tradizioni pugliesi. Nel ’96 il suo primo lungometraggio, “Pizzicata”, attira l’attenzione della critica consacrandogli un successo internazionale. Seguono altri come “Sangue Vivo” e “Il Miracolo”. Il suo ultimo film, “I Galantuomini”, ha come protagonisti Fabrizio Gifuni e Peppe Fiorello e uscirà a settembre. Instancabile operatore culturale nel 1992 è cofondatore assieme ad altri appassionati di cultura salentina dell’Officina Zoè e con loro organizza circa 200 Feste di Pizzica nei primi anni ‘90. E’ co-fondatore di “Coppula Tisa”, un’associazione che raccoglie fondi per acquistare terreni con eco-mostri per poi risanarli e donarli alla collettività.
www.saiettafilm.it   




Con il sostegno della Fondazione Buttitta, dell’Assessorato dei Beni Culturali e Ambientali della Regione Sicilia, della Provincia Regionale di Trapani e del Comune di Castelvetrano.

 
Per informazioni
Segreteria  Organizzativa: Umberto Leone 092446339 - 349 7205214



logo


ASSOCIAZIONE PINO VENEZIANO
Via Bresciana 11,  91022 Castelvetrano / TP      
Tel/Fax 0924 81583
info@pykaleone.com


Home