enter

Le canzoni del cantastorie Pino Veneziano

In questa pagina abbiamo raccolto i testi delle canzoni contenute nel disco "Lu Patruni è Suvecchiu".
Abbiamo scelto di fornire una traduzione italiana e non letterale per agevolarne la comprensione ai non siciliani.


Nivuri  su’ li bummi
Nere sono le bombe
Su’ nivuri li bummi ‘nta li   chiazzi.
Su’ nivuri li  bummi  ‘nta li  treni.
Si  su’ scoperti dici  chi su’ pazzi,
si ‘un  sunnu  visti  foru comunisti.

Continuati  puru a ammazzari,
fascisti cu la destra nazionali,
chi ‘nzemmula ana pocu di parrini
facistivu l’ anonima assassini.

Li  treni chini  su’ di  puvireddi
Cci sunnu nichi granni e vicchiareddi,
partinu pi truvari li  parenti,
trovanu la fini di li patimenti.

Continuati puru a ammazzari,
fascisti cu la destra nazionali,
chi ‘nzemmula a na pocu di parrini
facistivu l’ anonima assassini.

Li morti nun lu sannu di dunni vinni
La grazia di la so libberazioni,
ma njatri lu sapemu chi cci voli
ppi la giustizia la rivoluzioni.

Verrà  ‘stu jornu statini sicuri,
‘cchì cci sarannu morti senza ciuri
sarà comu un giudiziu universali
si chiamerà giustizia popolari.

Sono nere le bombe nelle piazze.
Sono nere le bombe nei treni.
Se son scoperti si dice che son pazzi.
Se non son visti si dà la colpa ai comunisti.

Continuate pure ad ammazzare,
fascisti con la destra nazionale,
che con un po' di preti
avete fatto l'anonima assassini.

I treni sono pieni di gente povera.
Ci sono bimbi, adulti e vecchietti.
Partono per andare a trovare i parenti,
trovano la fine dei tormenti.

Continuate pure ad ammazzare,
fascisti con la destra nazionale,
che con un po' di preti
avete fatto l'anonima assassini.

I morti non sanno da dove è arrivata
la grazia della loro liberazione,
ma noi lo sappiamo che per avere giustizia
ci vuole la rivoluzione.

Verrà quel giorno, siatene certi,
in cui ci saranno morti senza fiori.
Sarà come un giudizio universale.
Si chiamerà giustizia popolare

La jatta
La gatta
Haiu ‘na jatta tutta tappiata
ca nta la facci pari pittata,
quannu cammina s’annaca tutta,
puru la cura la porta a la dritta.

La vidi un jattu, ca è ddi passaggiu,
cci dici: “Bedda, semu ‘nta maggiu,
chistu è lu misi chi da caluri,
chistu è lu misi ppi fari l’amuri”.

Allura idda pari confusa,
poi ci accumincia a fari li fusa,
lu jattu allura, ccu lu piruzzu
cci accuminciau a tuccari la cuda

Poi dopu un pezzu, diventa pazzu,
cc’ un muzzicuni ci acchiappa lu cozzu,
la jatta sutta, lu jattu supra,
idda si vota, fa vuci e l’abbrazza.

E dopu un jornu di fari l’amuri,
tutt’ e ddui si misiru a cantari:
“l’amuri è beddu, l’amuri è dduci,
l’amuri abbrucia, l’amuri è natura.”

Chistu succeri tra l’animali
Picchi ‘ unn esisti lu capitali
Picchi la fimmina ch’ è di coscienza
ti fa l’amuri ppi convenienza.

Si vidi a unu ch’é nu strazzatu
‘un si cci metti picchì è piccatu,
si cerca a chiddu c’ havi la grana
anchi si dopu risulta ‘na frana.
Ho una gatta tutta chiazzata
che in viso sembra dipinta,
quando cammina ancheggia,
tiene la coda ben dritta.

La vede un gatto, che è di passaggio,
le dice: "Bella, è maggio,
questo è il mese che da calore,
questo è il mese per fare l'amore".

Allora lei sembra confusa,
poi comincia a fargli le fusa,
il gatto, allora, con la zampetta
comincia a toccarle la coda.

Dopo un pò impazzisce,
le afferra il collo con un morso,
la gatta sotto, il gatto sopra,
lei si contorce, urla e l'abbraccia

E dopo un giorno di fare l'amore
i due si misero a cantare:
"l'amore è bello, l'amore è dolce,
l'amore brucia, l'amore è natura".

Questo succede tra gli animali
perchè non esiste il capitale.
Invece la donna coscienziosa
ti fa l'amore per convenienza.

Se vede un pezzente
non ci si mette perchè è peccato.
Si cerca uno con i soldi
anche se dopo risulta una frana.

La festa ddi li porci
La festa dei porci
Cantu la storia di una bella festa,
fatta di genti altolocata;
putìa tràsiri sulu genti ‘n vista,
china di grana o titolata.

E l’invitati ora vannu arrivannu,
tutti puliti, tutti apparati,
c’é tanti omini ccu lu parrucchino,
tutti li fimmini su’ ‘ngioiellati.

“Cara duchissa cci baciu li manu,
cci baciu li peri, tuttu cci baciu.”
Chistu dicìa lu baruni Cucuzza
Quannu vidìa la duchissa Ficazza.

C’èni ‘na veduva sempri siddìata,
persi ‘u maritu a Camporeali,
ora fa vita assai ritirata,
si curca sulu ccu dui cardinali.

Japri lu ballu lu baruni Amalfi
ccu ‘a barunissa di Donnalucata;
fimmini abballanu comu li buffi
l’omini hannu la panza parata.

C’è l’arciduca di Salaparuta,
ccu lu frac misu pari ‘na foca,
collettu biancu finu a la nuca,
pinzati ch’ è beddu quannu caca.

C’è la duchissa di Roccafiorita
la facci l’havi arrapacchiata,
ccu cremi e ciprii si la fa liscia liscia,
pinzati ch’ è bedda quannu piscia.

Chista è la vita di la genti beni,
c ‘unn havi pinzeri, e ‘unn havi peni,
penzanu sulu a li so capricci,
manciari e biviri comu li porci.
Canto la storia di una bella festa.
fatta di gente altolocata;
poteva entrare solo gente in vista,
piena di soldi o di titoli.

E gli invitati arrivano
vestiti in pompa magna
ci sono tanti uomini con il parrucchino
tutte le donne sono ingioiellate

"Cara duchessa le bacio le mani,
le bacio i piedi, le bacio tutto."
Questo diceva il barone Cucuzza
quando vedeva la duchessa Ficazza.

C'è una vedova sempre triste,
ha perso il marito a Camporeale,
ora fa vita molto ritirata,
va a letto solo con due cardinali.

Apre il ballo il barone Amalfi
con la baronessa di Donnalucata;
le donne ballano come le rane,
gli uomini mettono in mostra il pancione.

C'è l'arciduca di Salaparuta,
con il frac che indossa sembra una foca,
colletto bianco fino alla nuca,
pensate com'è bello quando caca.

C'è la duchessa di Roccafiorita
con la faccia raggrinzita,
con creme e cipria se la fa liscia,
pensate com'è bella quando piscia,

Questa è la vita della gente bene
che non ha pensieri e non ha pene,
pensano solo ai loro capricci,
mangiare e bere come i porci.


Patri e figghiu
Padre e figlio
Me patri mi dicìa:
“Caru figghiu,
ju, havi ‘na vita chi travagghiu,
haju avutu una  sula spiranza:
jnchiri  tutti li jorna la vostra panza.
Lu munnu fu criatu ppi luttari,
l’omu trova paci quannu mori,
lu puvireddu lotta ppi lu pani,
lu riccu lu fa ammazzari ppi lu putiri”.

 "Caru patri,
chiddu chi tu mi dici
è la sacrosanta virità,
ma a nui ‘stu discursu ‘un ni piaci,
l’am’ a canciari chista società;
casi e pani vulemu assicurati,
tutti li manu vulemu assciugghiuti
e chistu nui lu putemu aviri
livannu a lu riccu lu putiri".

"Figghiu miu,
senti soccu ti dicu,
lu pisci grossu mancia sempri ‘u nicu,
lu pisciteddu ‘un nn’havi curazza,
lu grossu lu talìa, riri e l’ammazza.

Si c’è n’aceddu chi sapi cantari,
comu cantava Turi Carnevali,
ppi lu riccu chista è una nota amara,
allura fa cantari la lupara".

Chistu succedi a ddi cantatura
c’ hannu cantatu senza cumpagnia,
ma si truvamu giusta la misura,
truvamu quali è la giusta via.
Nni la facemu ‘na bedda cantata,
la cantata ddi lu puvireddu,
li sunatura ccu lu cori russu
e ‘ntesta ccu la faci e lu marteddu.

No, nun vulemu cchiù ricchi e putenti,
No, nun vulemu chiù porci patruna;
vulemu un munnu fattu di genti,
un munnu fattu di travagghiatura.
Mio padre mi diceva:
"Caro figlio,
io, è una vita che lavoro,
ho avuto una sola speranza:
riempire tutti i giorni la vostra pancia.
Il mondo è stato creato per lottare,
l'uomo trova pace quando muore,
il povero lotta per il pane,
il ricco lo fa ammazzare per il potere".

"Caro padre,
quello che tu mi dici
è la scrosanta verità,
ma a noi questo discorso non piace,
dobbiamo cambiarla questa società;
vogliamo assicurati case e pane,
vogliamo le mani liberate
e questo lo possiamo ottenere
togliendo il potere al ricco".

"Figlio mio,
senti cosa ti dico,
il pesce grosso mangia sempre quello piccolo,
il pesciolino non ha corazza,
quello grosso lo vede, ride e l'ammazza.

Se c'è un uccello che sa cantare
come cantava Turi Carnevali,
per il ricco questa è una musica amara,
allora fa cantare la lupara".

"Questo succede a quei cantanti
che hanno cantato senza compagnia,
ma se troveremo la giusta misura,
troveremo qual'è la giusta via.
Facciamoci una bella cantata,
la cantata del povero,
i musicisti con il cuore rosso
e in prima fila con la falce e il martello.

No, non vogliamo più ricchi e potenti,
No, non vogliamo più porci padroni;
vogliamo un mondo fatto di gente,
un mondo fatto di lavoratori.

Lu patruni è suvecchiu
Il padrone è di troppo
Parlu ccu viatri ca diciti sempri:
“Chiamati patri  a cu vi duna pani”
iu vi dicu ca nunn’è veru nenti,
ma siti viàtri ca  cu li vostri manu,
ci dati pani, cumpanaggiu e vinu.
Ccu lu travagghiu di li vostri vrazza,
campanu iddi ca su’ n’autra razza.

Un sulu patri avemu
ed è lu suli!
Cu li  raggi e lu so caluri 
feconda la terra, nostra matri naturali.
Tutti l’autri ‘un su’ patri,
ma su’ patruna
e lu patruni è un mali vecchiu . . .

Ci vonnu chiddi ca pigghianu pisci di lu mari;
ci vonnu chiddi chi aisanu li casi;
ci vonnu chiddi chi allevanu animali,
ma lu patruni no!
Chiddu è suvecchiu.
Parlo con voi che dite sempre:
"Chiamate padre chi vi dà pane".
Io vi dico che vi sbagliate,
siete voi che con le vostre mani
gli date pane, companaggio e vino.
Con il lavoro delle vostre braccia
campano loro che sono come un'altra razza

Abbiamo un solo padre
ed è il sole!
Con i suoi raggi e il suo calore
feconda la terra, nostra madre naturale.
Tutti gli altri non sono padri,
ma sono padroni
e il padrone è un male vecchio . . .

Servono quelli che prendono pesce dal mare;
servono quelli che tirano sù le case;
servono quelli che allevano gli animali,
ma il padrone no!
Quello è di troppo.

Li scarsi
I poveri
Cui morinu  ammazzati nta li fabbrichi,
cui morinu scacciati sutta li casi,
cui morinu malati ‘nta li ‘spitala,
semu sempri njàtri scarsi.

Cu sta ‘mpistatu dintra li barracchi,
lu cimiteru ddi li morti viventi,
dunni li  picciriddi vennu manciati
ddi li surci comu rifiuti.

S’ha vistu mai ‘na ricca essiri a luttu
picchì lu maritu travagghiava e morsi?
Chistu succeri sulu a njatri scarsi,
‘cchì lu maritu ppi la casa è tuttu.

‘Un ci succeri mai ‘na disgrazia,
parinu amici ddi lu Patrieternu,
si la vulemu fatta chista grazia
nn’am’ a pigghiari lu cumannu.

Facemuccillu finiri chistu spassu,
ormai havi assai chi sunnu ‘nta lu lussu,
juncemuni tutti e senza aviri scantu
prisintamuci lu cuntu.

C’è ‘na malatia ca nun pirduna,
chi veni ppi ‘nfittari a li riccuna,
iddi si curanu, speranu chi passa
però è mortali la malatìa russa.

Hann’ a muriri sti lupa affamati,
sùcanu sangu comu li vampiri,
sulu si nni nn’avemu libberatu 
pi  njatri spunta lu suli.

Russu è lu sangu
Russu è lu suli
Russu è lu focu
Russi  ci su’ tanti ciuri
Russi semu  tutti li scarsi.

Ma allura di nivuru soccu cc’è?
Cc’é sulu la mmerda.

Quelli che muoiono ammazzati nelle fabbriche
Quelli che muoiono schiacciati sotto le case
Quelli che muoiono malati negli ospedali
siamo sempre noi poveri.

Quelli che sono pressati nelle baracche,
il cimitero dei morti viventi,
dove i bambini vengono mangiati
dai topi come fossero rifiuti.

Si è mai vista una donna ricca essere a lutto
perchè il marito è morto sul lavoro?
Questo succede solo a noi poveri
perchè il marito per la casa è tutto.

Non gli capita mai una disgrazia,
sembrano amici del Padreterno,
se la vogliamo fatta questa grazia
ci dobbiamo prendere il potere.

Facciamoglielo finire questo divertimento,
ormai sono nel lusso da troppo tempo,
uniamoci tutti e senza paura
presentiamogli il conto.

C'è una malattia che non perdona,
che viene per infettare i ricconi,
loro si curano, sperano che passa
però la malattia rossa è mortale.

Devono morire questi lupi affamati,
succhiano il sangue come i vampiri,
solo se ce ne libereremo
per noi spunterà il sole.

Rosso è il sangue
Rosso è il sole
Rosso è il fuoco
Rossi sono tanti fiori
Rossi siamo tutti i poveri.

Ma allora di nero cosa c'è?
C'è solo la merda.


Soccu vonnu
Cosa vogliono
Ma ‘sti strazzati ancora chi vunnu
ca nta  li strati vannu vuciannu;
‘un su cuntenti ddi chiddu chi hannu?
Ma chi vonnu? Ma chi vonnu? Machi vonnu?

Vulemu la casa!
Picchì l’ omu senza casa ….
l’acidduzzu senza nidu ...
lu babbaluci senza scorcia ...
lu cunigghiu senza tana ...
su’  comu li pisci  senza lu mari.

O vinni jiti ,
o vinni facemu jiri:
vvi nn’aviti a jiri d’unn’è lu vostru postu,
d’unni ‘un putiti fari chiù guerra!
Ddà! Suttaterra!

Comu è ca ancora ‘unn aviti caputu
ca la casa ppi tutti n’aviti a dari,
e a picca a picca ‘nni jemu pigghiannu
lu cumannu, lu cumannu, lu cumannu.

Chistu vulemu!
Vulemu tuttu chiddu chi facemu!
Vulemu tuttu chiddu ch’ è nostru !
Lu vostru?
Vi lu lassamu!
Tantu è nenti!

Oramai, puru li fimmini lu caperu
chi ‘nzemmula a li so omini hannu a diri:
“O sunati  o cunsignati la trumma,
o vinni jiti, o vinni jiti, o vinni jiti!”
Ma questi pezzenti cosa vogliono ancora?
Se ne vanno per la strada gridando;
non sono contenti di quello che hanno?
Ma che vogliono? Ma che vogliono? Ma che vogliono?

Vogliamo la casa!
Perchè l'uomo senza la casa ...
l'uccello senza nido ...
la lumaca senza guscio ...
il coniglio senza tana ...
sono come il pesce senza mare.

O ve ne andate
o vi obblighiamo ad andarvenene;
ve ne dovete andare dove è il vostro posto,
dove non potete fare più la guerra!
Là! Sottoterra!

Come mai non avete ancora capito
che la casa per tutti ci dovete dare,
e a poco a poco ci prenderemo
il potere, il potere, il potere.

Vogliamo questo!
Vogliamo tutto quello che facciamo!
Vogliamo tutto quello che è nostro!
Il vostro?
Ve lo lasciamo!
Tanto è niente!

Ormai anche le donne lo hanno capito
che insieme ai loro uomini devono dire:
"O suonate o consegnate la tromba,
o ve ne andate, o ve ne andate, o ve ne andate".

A Santu
A Santo
Ddi ‘sta vita cchi nn’haju
Nn’haju sulu stanchizzi,
E lu suli mai viju
E ‘un nn’haiu carizzi.

Sugnu sempri a lu scuru
e la luci mai viju,
sentu sulu vuciari
‘ntà ‘stu munnu di pazzi.

C’è l’amuri, e lu sacciu,
c’è l’amuri ppi tutti,
basta fallu capiri
a ccu ‘un ni lu voli.

Quannu ‘ncontru la genti
c’ havi occhi e nun vidi,
c’ havi aricchi e nun senti,
e nun voli capiri,

l’accumpagnu ppì manu
ppi la strada chiù granni
e cci dicu rirennu
ca cci vjiu cchiù chiaru.

Tri cantara d’amuri,
centumila carizzi
iu vulissi dari
ma nuddu li voli.

No nun vogghiu ricchizzi,
di palazzi o dinari,
vogghiu stu munnu di pazzi
vidiri arraggiunari.

Sugnu un santu chi senti,
e nun sugnu di lignu
sugnu orvu di l’occhi
ma la strata vi ‘nzignu.
Cosa ho da questa vita?
Ho solo fatiche
e non vedo mai il sole
e non ho carezze.

Sono sempre al buio
e non vedo mai la luce,
sento solo gridare
in questo mondo di pazzi.

C'è l'amore, e lo so,
c'è l'amore per tutti,
basta farlo capire
a chi non lo vuole.

Quando incontro la gente
che ha occhi e non vede,
che ha orecchie e non sente,
e non vuole capire,

li accompagno per mano
per la strada più grande
e gli dico ridendo
che ci vedo più chiaro.

Tre quintali d'amore,
centomila carezze
vorrei dare
ma nessuno le vuole.

Non voglio ricchezze,
di palazzi e denaro,
voglio vedere ragionare
questo mondo di pazzi

Sono un Santo che sente
e non sono di legno,
sono cieco negli occhi
ma vi insegno la strada.

Allende
Allende
Quannu detti li terri a li viddani,
e li minieri a li minatura,
li fabbrichi a li travagghiatura,
l’assassinaru comu traditura.

Allende, chi facisti?
Un nni l’aviv‘a fari!
Schiavi di lu patruni aviat’ a ristari.

‘Nta un jornu n’ammazzaru trentamila,
dintra li casi e nmezzu li strati,
ccu li fucila e cu li carri armati,
li massacraru comu cani arraggiati.

Li patruna l’hannu supra la coscienza,
trentamila operai,
tutti assassinati.

Allende, cchi facisti?
‘Un nni l’aviv’a fari !
A tutti l’operai
L’ aviat’ ad armari.
Quando ha dato le terre ai contadini
e le miniere ai minatori,
le fabbriche agli operai,
l'hanno assassinato come traditori.

Allende che hai fatto?
Non lo dovevi fare!
Dovevano rimanere schiavi del padrone.

In un giorno ne hanno ammazzato trentamila,
dentro le case e in mezzo alle strade,
con i fucili e con i carri armati
li hanno massacrati come cani arrabbiati.

I padroni li hanno sopra la coscienza,
trentamila operai,
tutti assassinati.

Allende che hai fatto?
Non lo dovevi fare!
Tutti gli operai
li dovevi armare.

Lu sicilanu
Il siciliano
Lu sicilianu è ‘nta tuttu ‘u munnu,
ppi travagghiari sempri va girannu;
lu zingaru ‘un nn’è cchiù lu gitanu,
ma è lu calabrisi, è lu sicilianu.

Nascivi ‘nta sta terra fatta a tri pizza,
sugnu costretto a l’emigrazioni,
vajiu campannu di umiliazioni,
e dunni arrivu mi mettinu la cavizza.

Ma ora p ‘un mi fari cchiù emigrari
l'industrie ‘nta sta terra vonnu fari,
ma cu li ciminii, fumu e munnizza
mi porterrannu ccà la me cavizza.

E di quant’ havi ca esisti lu munnu
chi ‘nta sta terra c’è un boia tirannu,
ma ora ca li tempi su’ canciati,
li boia si su’ moltiplicati.

Chissa è ‘na terra ca nni duna aranci,
chissa è ‘na terra ca nni duna vinu,
si nni po’ fari un beddu jardinu,
ma cca cu havi li guai si li chianci.

No,  nun criditi a chiddu ca si dici,
ca cu l’industrie si campa filici.
Guardati Gela, su’ ‘ndustrializzati,
sunnu aumentati i disoccupati.

Chista è la sorti ddi lu siciliano
ca a tutti i banni chiamanu gitanu.
Il siciliano è in tutto il mondo,
per lavorare va sempre in giro;
lo zingaro non è più il gitano
ma è il calabrese, è il siciliano.

Sono nato in questa terra fatta a tre punte,
sono costretto all'emigrazione,
vivo quotidianamente umiliazioni
e dove arrivo mi incatenano come un animale.

Ma ora per non farmi più emigrare
vogliono fare le industrie in questa terra,
ma con le ciminiere, fumo e spazzatura
porteranno qui le mie catene.

E sin da quando esiste il mondo
che sulla terra c'è un boia tiranno,
ma ora che i tempi sono cambiati
i boia si sono moltiplicati.

Questa è una terra che ci da arance,
questa è una terra che ci dà vino,
se ne può fare un bel giardino,
ma chi ha guai se li piange.

No, non credete a quello che si dice,
che con le industrie si vive felici.
Guardate Gela, sono industrializzati,
sono aumentati i disoccupati

Questa è la sorte del siciliano
che ovunque chiamano gitano

Cincu ciuri russi
Cinque fiori rossi
Cincu ciuri russi comu lu focu
foru pigghiati a muzzu ddi ‘nta lu mazzu,
eranu comu li spirdi ppi lu nimicu
chi pi lu scantu addivintau pazzu.

Foru pigghiati e turturati, 
po’ cu disprezzu  foru ammazzati.
 
Cincu omini russi di culuri
morsiru senza nuddu a lu capizzu
morsiru cantannu
chistu è lu prezzu
chi paga cu si voli libbirari.

Eranu patri
eranu figghi
di tutti chiddi ca su sfruttati.

Morsiru senza jittari mancu ‘na vuci,
comu careru si misiru a vulari
ppi diri a ccu ancora ‘un voli capiri,
chi lu fascismu ammazza li nimici.

Ma ‘un la sintiti
la so vuci chi dici :
Pi la libirtàti muriri è dduci!
Cinque fiori rossi come il fuoco
sono stati presi a caso nel mazzo,
erano come spiriti per il nemico
che per la paura è impazzito

Sono stati presi e torturati,
poi sono stati ammazzati con disprezzo.

Cinque uomini di colore rosso
sono morti senza nessuno al capezzale,
sono morti cantando
questo è il prezzo
che paga chi si vuole liberare.

Erano padri
erano figli
di tutti quelli che sono sfruttati.

Sono morti senza un lamento,
appena sono caduti si sono messi a volare
per dire a chi ancora non vuole capire
che il fascismo ammazza i nemici.

Ma non la sentite
la loro voce che dice:
"Morire per la libertà è dolce!"

Piazza di la Loggia
Piazza della Loggia
Nn’hannu murutu tanti
senza sapiri comu
mettici ‘st’àutri sei
vidi ca sunnu assai.

Ccu dda jiurnata grigia
si ‘ntisiru li botti
si ‘ntisiru li vuci
si vittiru li morti.

Chiancemuli ‘sti morti!
Chiancemuli chiù forti!
Chi persiru la vita
contru li cosi storti.

In Piazza di la Loggia,
mentri chiuvia forti,
circavanu la paci,
ci truvaru la morti.

D’accordu sunnu iddi
fascisti e patruna
ca ammazzanu a l’urvina
onesti e puvireddi.

L’am’ a fari finiri
a  ‘sti porci assassini
c’ ammazzanu cristiani
cumu li puddicini.

Gran figghi di buttana,
figghi di matri troja,
fascisti e patruna
v’aspettanu li boia.
Ne sono morti tanti
senza sapere come,
mettici questi altri sei,
guarda che sono molti.

Con quella giornata grigia
si sono sentite le esplosioni
si sono sentite le grida
si sono visti i morti.

Piangiamoli questi morti!
Piangiamoli più forte!
Perchè hanno perso la vita
contro le avversità.

In Piazza della Loggia,
mentre pioveva forte,
cercavano la pace,
ci hanno trovato la morte.

Loro sono d'accordo,
fascisti e padroni
che ammazzano alla cieca
onesti e poveretti.

Dobbiamo farli smettere
questi porci assassini
che ammazzano le persone
come se fossero pulcini.

Gran figli di puttana,
figli di madre troia,
fascisti e padroni
vi aspettano i boia.